Il Blog di Giuseppe Previti

FESTIVAL DEL GIALLO DI PISTOIA: 5a EDIZIONE- 6 7 8 FEBBRAIO

Organizzato dall’Associazione culturale Giallo-Pistoia e dalla Biblioteca San Giorgio di Pistoia, che ne ospiterà
la quinta edizione in programma il 6,7,8 febbraio p.v.

“Agatha e gli Altri” titolo della manifestazione, sottotitolo La provincia criminale e i suoi investigatori. Infatti
come da trdizione il Fstival viene strutturato su due temi, uno relativo a un nome appartenente al giallo classico,
l’altro al giallo modernon e all’attualità.
Ospite ” virtuale” della manifestazione la ” regina del giallo” Agatha Christie, la creatrice di due investigatori
ormai entrati nel Mito, anche grazie alla rinverdità popolarità dovuta al cinema e alla televisione. Durante il Fe-
stival vari interventi su Agatha Christie, venerdi mattina due esperti come Oscar Montani e Lucio Nocentini daranno
un loro contributo, domenica mattina spazio agli alunni di una scuola media che si sono esercitati sul tema a cura
degli Amici del Giallo di Pistoia, mentre all’ora del The appuntamento con “Le donne di carta” e……
IL secondo tema del Festival vedrà un nutrito gruppo di autori affrontare il tema della povincia criminale con i
loro investigatori, molto spesse del resto ispirati nelle loro storie da quanto avviene nella realtà. Per tre giorni
si susseguiranno tanti autori da Francesco Guccini a Loriano Macchiavelli, da Massimo Carlotto a Roberto Costantini,
da Marco Vichi a Leonardo Gori, da Franco Forte a Roberto Riccardi, da Patrizia Rinaldi a Anna Maria Fassio, da Cristia-
na Astori a Federica Marchetti, da Riccardo Parigi a Massimo Sozzi, da Stefano di Marino a Gian Luca Campagna, da Antonio
Fusco a Simone Togneri, da Graziano Braschi a Sergio Calamandrei, da Susanna Daniele a Laura Vignali.
Accanto a questo autentico parterre de rois venerdì mattina e sabato mattina i maggiori esperti cittadini della magisstra-
tura, della polizia, dei carabinieri e della criminologia intratterranno il pubblico in un singolare confronto tra gli
investigatori sul campo e quelli di carta.
Due interventi di grosso spessore letterario ma correlati alla letteratura gialla, vedranno Gianpiero Ballotti parlare di
una grande scrittrice che ha precorso il noir, mentre Marino Biondi ci parlerà di uno massimi artefici della letteratura
italiana, Carlo Emilio Gadda, e del suo commissario Ingravallo.
La giornata di domenica ha lasciato un ampio spazio agli scrittori toscani con due appuntamenti nel corso della giornata,
la mattina saranno ospiti gli autori pistoiesi, il pomeriggio Graziano Braschi svilupperà con vari autori il tema ” Cuore
nero e lato oscuro.La letteratura gialla in Toscana.
Tutti i giorni appuntamenti con il cinema a cura di Maurizio Tuci con soggetti tratti da Agatha Christie, una mostra di
auto d’epoca a cura del Veteran Car Club, il mercatino delle occasioni ” di libro in libro” a cura degli Amici della San Gior-
gio.
Domenica mattina alla caffetteria della San Giorgio ” colazione con autore”, sarà presente Massimo Carlotto.
Si approfitterà della presenza di Gian Luca Campagna, direttore del Festival Giallolatimo, per parlare appunto dei
Festival.
Quest’anno, a dimostrazione della centralità del ” Giallo”, si è organizzato un triplice appuntamento con il Teatro.
Venerdi sera appuntamento al Teatro Parrocchiale di San Rocco, con la rappresnetazione della celeberrima commdia di
Agatha Christie, “TRappola per topi” in palcoscenico a Londra da oltre cinquant’anni.
Sabato sera al Teatro Bolognini di Pistoia in prima assoluta ” A teatro con Massimo Carlotto”, lettura scenica da suoi
libri a cura del GAD di Pistoia.
Infine la chiusura del Festival sarà affidata domenica 8 febbraio all’attore Lorenzom Degl’Innocenti con una lettura sce-
nica da Jorge Louis Borges.
Come ogni anno il Festival offre uno spazio a una organizzazione emerita di Volontariato, quest’anno graditissimo
ospite Emergency con un intervento della dottoressa Margherita Soliani.

Duraante il Fwstival funziona regalarmente la Biblioteca ed è attivo a cura dei librai di Pistoia un servizio vendita
dei libri degli autori presenti al Festival.

Giuseppe Previti


Per leggere e stampare Diari di Cineclub clicca qui