Il Blog di Giuseppe Previti

” LA NOTTE SI PREPARA ” DI GIACOMO ALOIGI- EUROPA EDIZIONI

Ian Novelli ha fatto parte dei Servizi Segreti che poi ha lasciato, e per divergenze sui  comportamenti e ,per stare dietro alla figlia Claudia, vittima di una brutta caduta dalla
moto dovere era con il padre, ricoverata  senza essersi più svegliata dall’incidente. Si è messo a fare l’investigatore privato.  Siamo alla metà degli anni Settanta quando Firenzs
viene sconvolta dal feroce assassinio di tre ragazze minorenni. La polizia indaga senza risultati e allora il padre di una delle vittime si rivolge al Novelli, che non è certo un tipo
facile ma è molto determinato.ha conoscenze ovunque, magari con tipi non raccomandabili, ma utili per rispondere a qualsiasi domanda e pronti a indagare in qualsiasi ambiente.
Ma Ian dopo le prime indagini non sembra molto convinto quando la polizia annuncia di aver trovato il colpevole, e così a dispetto di tutti continua a investigare per conto suo
e così collegando eventi di un lontano passato arriva a scoprire un intrigo di tanti anni prima, riuscendo così a metter mano su misteri mai risolti.
La vita procede con eventi a livello nazionale che si intrecciano con la vita del protagonista, il mondo politico è in subbuglio, c’è che paventa una vittoria alle elezioni del partito
comunista, e così quando che appartiene al passato del Novelli torna a cercarlo, qualcosa di grosso si prospetta nell’avvenire del nostro Paese.

Giacomo Aloigi torna dopo vari anni in libreria con La notte si prepara. Una storia composita dove vari elementi si compongono, da una parte tre omicidi ai danni di tre ragazze, tre liceali di buona famiglia. L’ipotesi del serial Killer si fa sempre più concreta.>
Tre minorenni.Adesso non poteva essere solo una coincidenza.Non al terzo cadavere che saltava fuori in meno di due mesi.Il bastardo aveva la fissazione per le teenager.
O l’ossessione.
Nella Firenze degli anni Settanta comincia la caccia al serial killer ma con risultati non molto confortanti. Allora uno dei genitori si rivolge a un investigatore un po’sui generis,
Ian Novelli, un passato nei Servizi, e ora riciclatosi in questa nuova professione.
Ian ha rotto con il passato per stare accanto alla figlia che non si è più svegliata dopo un incidente quando era in moto con il padre. E lui ogni settimana va a trovarla in clinica
portandole dei dolci e dei fiori e parlandole in continuazione convinto che prima o poi gli risponderà.
Mentre lui prosegue le indagini a dispetto di tutti la polizia annuncia l’arresto del serial killer ma lui non è convinto, non vedendo un nesso tra la figura del presunto colpevole
e quel che scopre via via. Risalendo nella vita delle famiglie delle ragazze a tempi assai lontani si prospettano antichi misteri mai risolti e che forse sono legati a quel che sta av-
venendo oggi.
La storia procede su due piani, Novelli ha mantenuto molti contatti con la sua vita precedente. del resto è stato sempre stimato e benvoluto dal “Vecchio” , il capo della struttura che pare fosse collegata con la Cia e che pare svolgesse, quando necessario, il lavoro….sporco, attentati e simili.>
Il libro si svolge nel 1976 e  Aloigi mentre racconta la storia legata a Novelli e a tutti i personaggi più o meno inventati, e qui sta il suo indubbio merito, li rende vivi e credibili,
e del resto il valore delle figure sta proprio nel raccontare ciò che è accaduto in quell’epoca ma non riportando la nuda cronaca,bensì ricorrendo a questi personaggi per creare
una storia reale, forte, emozionante, se no tanto varrebbe scrivere un saggio storico.
L’aggancio alla realtà c’è ed è dato dall’inserimento tra i vari capitoli di note di commento o puramente politiche prese da resoconti giornalistici dell’epoca dove si riportano e si
commentano gli eventi politici, giudiziari e di cronaca del momento, come li hanno visti esponenti politici, uomini dei servizi, commentatori di professione.
Uno scenario quindi sull’Italia anni Settanta  illustrato da Giacomo Aloigi che adopra la chiave del giallo per rendere più appetibile e interessante un momento storico veramente complesso. Una nota dice ” Giorni caldi attendono il Paese”, il nostro autore….La notte si prepara…..

 

 

GIUSEPPE PREVITI


Per leggere e stampare Diari di Cineclub clicca qui