Il Blog di Giuseppe Previti

” 999-L’ORIGINE” DI CARLO A.MARTIGLI- MONDADORI 06-07-2021

Galilea,anno 3793 del calendario. E’il momento  in cui Gesù sembra l’annunciato Messia. Costui è Gesù,il figlio del falegname. Ma è veramente lui il Dio in terra ? Non impor-
ta tanto questo quanto che la gente lo creda, lo ascolti, e che accolga la sua parola e la sua filosofia, la sua convinzione di cosa è la vita. Ma le sue idee sono troppo pericolose e
il governo romano ne ordina l’arresto. Ma prima lui fa in tempo a consegnare ai suoi adepti un libro colmo di insegnamenti, nominando a sorpresa come suo successore Maria
di Magdala. Questo non verrà però accettato da tutti i discepoli, a partire da Pietro che si ritiene il successore designato e così il Libro dove sono riportate le vere parole di Gesù
deve essere nascosto e portato via.
Per secoli un gruppo di “Custodi” terrà nascosto il libro ma intanto intrighi e violenze scuotono il mondo e la stessa chiesa. L’ultimo guardiano sarà Giacomo de Mola che, spronato anche dall’improvviso arrivo in casa sua di una bambina, Maria, da proteggere dalle insidie di un padre bruto e degenere. Maria si dimostra subito una grande appas-
sionata e divoratrice di libri e particolarmente attenta si dimostra verso ” il libro dei libri”.  E forse potrebbe essere proprio lei a far sì che il libro venga diffuso in tutto il mondo
come era nelle intenzioni del suo creatore…

Un libro che alternando passato e presente ci porta dalla Galilea dell’anno ebraico 3793 ai giorni nostri, al centro di tutto Gesù Cristo e Roma. Gesù per quello che ha lasciato,
crocifissione a parte, e con l’interrogativo su chi fosse veramente e su cosa veramente ci ha tramandato. Roma dagli anni dell’Impero romano e quelli dei giorni nostri, ove fi-
nalmente dovremmo venire a conoscere quanto Gesù ha effettivamente detto.
Mentre nell’ombra i soldati romani sui apprestano a catturarlo Gesù veniva ascoltato da un gruppo di uomini e di donne in una notte piena di stelle. Tutte le sue parole sul-
l’uguaglianza, sulla parità dei sessi, sul ruolo della donna. Come da sua volontà tutto questo è stato raccolto in un libro, avvolto nel legno di cedro, perché restasse fissato nel tempo e poi fatto conoscere a tutto.
Ma sin da allora, anche i più vicini a Cristo, non tutti compresero e apprezzarono queste parole che forse dettavano delle verità allora sicuramente sconvolgenti, ma tenace-
mente volute tenere nascoste anche dalla stessa Chiesa, e questo sino al giorno d’oggi.
Tre donne, con Maria di Magdala a cui Gesù aveva affidato il libro, fuggirono nella notte traversando il mare  e trovando rifugio presso gente ospitale che le accolse come fos-
sero dei loro. Nel contempo la storia alterna grandi eventi, grandi fasti, grandi miserie e del resto questa è l’umanità del passato e del presente e il mondo sembra sempre più
allontanarsi dallo spirito del Libro. Malvagità, avidità, sete di potere, tradimenti, combattimenti sembrano il comun denominatore dell’umanità, con il corollario di odio, ge-
losia, inganno. Ieri come oggi tutto accade oltre la maschera ingannevole che l’uomo puo’indossare.
Ci sono due donne di cui “viviamo”la  crescita. Da una parte Isha,la giovane ebrea ci svela la Roma antica dell’imperatore Claudio, di Messalina, di Agrippina e Martigli in
999 L’origine
ci rende  i fasti e le miserie morali e materiale di quell’epoca.
L’attualità ce la fa vivere una bimba atterrita da un padre insidiatore e che viene recuperata alla vita dal professore De Mola che le svelerà i segreti dell’essere.
Le due epoche alla fine sono molto meno lontane di quel che si possa immaginare, in entrambe le epoche i “diversi” sono destinati a soffrire. I “deboli”sono spesso al centro
di queste vicende ed  è interessante seguire le loro battaglie per sopravvivere e le storie della loro vita.
Starebbe ai Custodi rivelare la verità, smascherare i grandi inganni della vita, portare alla luce l’intero messaggio di Cristo, ma nei secoli imporranno il silenzio. Adesso l’ultimo
Custode è deciso a rivelare la verità, lo minacceranno, lo colpiranno, ma, ne siamo certi sembra dirci l’autore, arriverà anche il momento giusto della rivelazione.
Un messaggio comunque trapela, fare il bene, predicare l’amore, questo è il comandamento che arriva a noi e che Carlo A.Martigli ci tramanda nella sua opera.
E quel che colpisce è il passaggio su Gesù figlio del falegname. Ma è veramente il figlio di Dio si chiedono tutti ? Ma questo, secondo la morale di questa storia, non è importante,
importante è come lo ascolti e segui la sua filosofia di vita. Ma questo è troppo dirompente per quei tempi e lo condanneranno a morte.
Ma lui ha lasciato un libro con le sue vere parole, ma le gelosie e le invidie, prima di tutto degli stessi apostoli faranno sì che le  vere parole pronunciate da Cristo restino nascoste e portate in salvo per salvare anche la sua memoria. E così in  questi secoli di intrighi, guerre,lotte di potere il Libro è stato nascosto da un gruppo di Custodi.
Avviene che l’ultimo custode decida che è giunto il momento della rivelazione, e questo appunto coincide con l’ingresso nella sua via della piccola Maria, subito attratta e colpita
da quel che significa.
Carlo A:Martigli con 999 L’origine torna così a parlare del mitico libro di cui aveva già scritto in ” 999 L’ultimo custode”.
E così ci svela i segreti che contiene in una narrativa parallela tra passato e presente che tramite un susseguirsi di fatti porta al presente e ci fa immaginare il futuro.

 

GIUSEPPE PREVITI

 


Per leggere e stampare Diari di Cineclub clicca qui