Il Blog di Giuseppe Previti

” IL DOTTOR FABBRI E IL GIOCO DEL CALCIO” di FABIO BALDASSARRI- EFFIGI 10,12.2021

Una storia piena di cadaveri, indagini, sospetti ma anche la storia della vita di un  piccolo paese, con tutto quello che ne consegue, di bello e di brutto,
un storia comunque dagli inquietanti risvolti gialli.
Il dottor Fabbri,il farmacista del paese, torna alla ribalta dopo che una serie di delitti, preceduti da una rapina proprio nella sua farmacia, sconvolgono
la Comunità e impegnano in particolare il suo grande amico, il maresciallo dei carabinieri Massi, che conduce le indagini.
La prima vittima è l’allenatore della locale squadra di calcio, che ha appena perduto una partita decisiva decisiva, su cui aleggiano molti sospetti che sia stata una partita truccata. Vi sono implicati i due giocatori più anziani e più rappresentativi, un noto capo-tifoso, con la fama di ubriacone e di poco di buono, un
giovane calciatore sulla cui grande carriera tutti sono pronti a scommettere.
Tanti gli indizi ma anche contrastanti, ma il dottor Fabbri, farmacista di professione e investigatore per vocazione, non è per niente sicuro che tutto sia come
appare, e del resto ci saranno altri delitti e altri riscontri per convincere il maresciallo e la P.m.che segue il caso che i fatti sono andati in tutt’altro modo….

IL dottor Fabbri e il gioco del calcio tiene a dirci l’autore Fabio Baldassarri  ” non è un romanzo sul gioco del calcio”.Piuttosto, visto che secondo l’autore il
calcio va considerato come una “straordinaria metafora sulla vita”, come del resto diceva Jean-Paul Sartre. IL calcio è lo sport più amato e odiato dell’Universo,
va al di là del tifo, il calcio è un gioco  che contiene  la maggior parte delle sfaccettature della nostra vita di tutti i giorni. Il calcio ha le sue regole, i suoi riti, i suoi ruoli, le sue idee, le sue gioie,i suoi dolori, e questo lo ritroviamo puntualmente nella vita di ognuno di noi, con tutte le cose che vi accadono, belle o brutte
che siano.
Calcio come scuola di vita, ci porta ad avere una disciplina interiore, a relazionarci con gli altri, ad essere responsabili e umili, a fare vita di gruppo, a effettuare vita di gruppo, ad affascinarci, ad avere gioie e dolori. Ovviamente c’è anche la componente negativa, eccessi di tifo,scontri tra fazioni, scavalcamento delle regole, etc etc.
Fabio Baldassarri immagina la storia di una squadra di calcio di paese, dove a un certo punto le cose precipitano, la squadra si sta preparando a un incontro
decisivo, ma si sente parlare,a risultato acquisito, di partita truccata e venduta.
Succede poi che a breve distanza avvengono due omicidi, l’allenatore e un tifoso le vittime, e così il maresciallo Massi avvia le indagini, ricorrendo all’aiuto e al
consiglio dell’amico farmacista.
Come si puo’notare non è un romanzo sul gioco del calcio, il calcio è certamente al centro della vita del paese, ma come lo sono il bar,la farmacia, la caserma dei
carabinieri. Da una parte si sviluppa la parte più “gialla” della storia, con il maresciallo che ritiene che tutto si giochi intorno a una partita venduta, anche se
sospetta che ci sia sotto il fenomeno delle scommesse clandestine e della ndrangheta che le controlla. Ma il dottor Fabbri è perplesso, gli sembra che si debba andare oltre un semplice regolamento di conti tra calciatori disonesti, gli sembra che alla radice dei delitti ci sia qualcosa di più profondo,
E d’altra parte il romanzo è ricco di personaggi, uomini e donne, c’è tempo per una storia d’amore tra il farmacista e la bella Laura, c’è l’arrivo in paese della
Buena Vista Social Club, c’è una magistrata amante del karaoke, c’è la saggezza dei vecchi contadini.

La vita è fatta di episodi, di occasioni, di delusioni, di impressioni, di sensazioni, come quella del farmacista che partendo da una rapina da pochi spiccioli nella
sua farmacia via via vede delinearsi un quadro sempre più complesso, ma è necessario porre gli elementi al posto giusto per arrivare alla giusta soluzione.
Una storia quindi che l’autore tesse con consumata perizia, molti i personaggi, tante le situazioni che addirittura ci portano in giro per il mondo, addirittura
si arriverà a Cuba, con il Buena  Vista Social Club in tournèe in Italia, ma quel che rimane è lo scorrere della vita e dei fatti che la contrassegnano. Basta§
interpretarli in modo giusto….

 

GIUSEPPE PREVITI


Per leggere e stampare Diari di Cineclub clicca qui