Il Blog di Giuseppe Previti

” I DEMONI DI BERLINO” DI FABIANO MASSIMI – LONGANESI- 26-9-2021

Il 27 febbraio 1933  è una giornata invernale, che, come è d’uso a Berlino, è anche assai fredda. Ma sarà anche una serata che rimarrà nella  Storia. Infatti qualcuno sta appic- cicando il fuoco al Reichstag, il parlamento. Presto accorreranno sul posto Hitler e Goring, che incolperanno i comunisti come colpevoli del fatto, e Hitler chiederà e otterrà la proclamazione dello stato d’emergenza, e di li a poco vincerà le elezioni. Ma come si era arrivati a tutto questo ? Chi sapeva e non era intervenuto ?Chi aveva tentato di fermare il complotto ? Ebbene l’ex commissario di polizia  Sigfried Sauer, anche se all’epoca di questa storia si è rifugiato a Vienna lasciando la Germania, riceve la visita di Julian, un ex-collega, che lo...

” REO CONFESSO” DI VALERIO VARESI – MONDADORI- 22-09-2021

Soneri sta camminando in un parco cittadino della sua Parma, quando nota un uomo riverso su una panchina, incuriosito gli si avvicina, vuole vedere se è un barbone o qual- cuno che si sente male. Inizia così una delle vicende più assurde e singolari nella sua carriera di investigatore. L’uomo, tale Roberto Ferrari, non è un barbone, è una persona normale e stimata come poi appurerà il commissario, ma la cosa imprevedibile è che gli rivelerà di avere appena ucciso un uomo. Ha assassinato un procuratore finanziario che si è approfittato dei suoi  soldi , mandandolo completamente in rovina. Un caso quindi risolto in partenza, l’uomo gli fornisce tutte le prove che dimostrano la sua colpevolezza. Insomma indagine chiusa quasi ancor prima di...

” L’IMPRONTA DEL GATTO” di AUGUSTO DE ANGELIS- IL GIALLO MONDADORI- 15.09.2021

Una guardia notturna durante il suo giro notturno scopre un cadavere: la vittima, colpita da un proiettile in mezzo alla fronte, giace davanti al portone di un palazzo in cui risiedeva con la famiglia. Una famiglia di stranieri, venezuelani, molto ricchi, da vari anni trasferitisi nel nostro paese. Il commissario De Vincenzi vede subito che sarà molto dif- ficile “entrare” in questo ambiente che sente ostile. Ma avverte anche un qualcosa di torbido e di malsano in questo gruppo, tutt’altro che coeso. Ma il suo mestiere è di trovare gli assassini e quindi si mette all’opera. Presto scoprirà che i segreti sono tutti riferiti al loro passato, ricco di episodi oscuri e buona parte criminosi. De Vincenzi, ispirato anche da un… gatto che...

” E QUELLO SGUARDO BLUES….” di MARCO DI GRAZIA- AUGH EDIZIONI – O6-09-2021

MARCO DI GRAZIA torna con una serie di racconti, sei per l’esattezza, che parlano della terra del Delta, là dove è nato il Blues. Racconti che parlano di musica, di musicisti, ma anche di gente comune, di violenza, di demoni, di leggende, di amori, di alcol, di razzismo, dell’eterno conflitto tra bianchi e neri. Nel primo racconto LADY CANTAVA IL BLUES la giovane Lady è la protagonista che era venuta con il figlioletto a cantare il blues in un paesino delle campagne toscane; in PREACHER JACK  un uomo attraversa varie metamorfosi, cattivo,buono, ancora cattivo, riscatta il suo passato turbolento trovando la fede e diventando predicatore, ma poi le vicende della vita lo rendono assetato di vendetta, percorrendo chilometri su chilometri, annunciando...

” UN REQUIEM TEDESCO” DI PHILIP KERR- FAZIEDITORE- 28.08.2021

Torna il detective Bernie Gunther nel capitolo conclusivo della triologia berlinese creata dal maestro del thriller Philip Kerr. Siamo nell’inverno del 1947, i Russi stringono sempre più Berlino. Un colonnello russo, il misterioso ma potente Poroshin, affida a Gunther il compito di recarsi a Vienna d0ve un ex-collega di Gunther in polizia, Emil Becker,è in prigione accusato di avere ucciso un ufficiale americano. Becker ha chiesto espressamente che sia Bernie Gunther a indagare per trovare le prove per scagionarlo da un delitto di cui si proclama innocente.  Bernie accetta, ma troverà una Vienna ribollente e agitata ben più di quello che si aspettasse. Gunther non ha una buona considerazione  di Becker,  ma non lo ritiene colpevole...


Per leggere e stampare Diari di Cineclub clicca qui