Il Blog di Giuseppe Previti

” L’AGENTE DEL CAOS ” DI GIANCARLO DE CATALDO – EINAUDI

Uno scrittore romano pubblica un breve romanzo,  “Blue Moon”, ispirato alla figura di Jay Dark, un agente provocatore americano la cui missione era stata di diffondere a profusione tra gli adepti dei movimenti rivoluzionari degli anni Sessanta e Settanta  scopo era di “calmarli” imbottendoli di droga, renderli innocui, e quindi annullarne slanci e idee. Una volta pubblicato il libro lo “scrittore” viene contattato da un avvocato americano, Alwyn Flint, che gli dice di avere letto il romanzo ma di non essere d’accordo su quanto lui ha scritto. La storia di Jay era ben diversa, lui lo sapeva bene avendo vissuto quei tempi in prima persona. La storia che gli e ci racconta Flint è quanto mai coinvolgente oltre che...

” UFFICIO SALTI MORTALI” DI ENRICO MORELLO- CODICE EDIZIONI

Arturo Speranza è un avvocato di 50 anni, sposato con due figli,poi la moglie lo ha lasciato e si è fatto una nuova compagna. Ma dopo un percorso di una certa agiatezza sta attraversando ora un periodo di grossa difficoltà, comune a tante professionisti come lui. Clienti che non pagano, creditori sempre più numerosi, pubblici e privati., debiti appunto con il Fisco, difficoltà nel passare gli alimenti a ex-moglie e figli e a soddisfare le richieste di questi che stanno crescendo. Improvvisamente la sua vita sembra avere una svolta con il ricomparire nella sua vita di un ex-compagno di scuola, nel frattempo misteriosamente arricchitosi durante una permanenza all’estero. Ora però la sua società corre dei rischi e chiede pertanto a Arturo di aiutarlo...

” PER LO ZIO ” un ricordo di VITTORIO PARLANTI

Oggi pubblico un  ricordo di mio nipote Vittorio, 14 anni, dedicato da lui allo zio Giuliano, scomparso più di un anno fa. Lo pubblico unendomi al ricordo incancellabile di mio cognato, ma lo pubblico perché secondo me  Vittorio sa scrivere, spero che qualcuno lo legga e magari , non con gli occhi del nonno, dica se potenzialmente ci sono le doti di uno che sa scrivere. PER LO ZIO Dopo il cancello verde che dà sulla strada c’era il prato, il tuo pratino. Sempre ben curato ” il pratino”, come lo chiamavi tu, era una bel- lezza per gli occhi. All’ombra della casa, la tua casa, e della tinaia, per le poche parti dove il sole batteva, risplendeva di smeraldo e ti faceva venire voglia di buttartici dentro a cercare pietre preziose. Le rose...

” A NOI DONNE BASTA UNO SGUARDO ” DI CHRISTINE VON BORRIES – GIUNTI

E’ la storia di quattro amiche che nonostante i lavori diversi cercano sempre di tenersi in contatto nella loro città, Firenze. Valeria è un pubblico ministero alla procura fiorentina,Erika è un’ispettrice di polizia, Giulia fa la giornalista, Monica la commercialista. Ogni tanto si trovano alla pizzeria delle Murate, Valeria ha due figli, Erika ne ha uno ma è single, Monica ha una relazione fissa, Giulia vive sola. Per gli strani casi della vita tutte e quattro si trovano a indagare sull’assassinio, avvenuto sotto gli occhi di Valeria e Erika, di una donna africana,travolta volutamente da un auto, che aveva un appuntamento con loro per denunciare la scomparsa del figlioletto. Questa donna era ospite di una villa albergo gestita da...

” A CHI APPARTIENE LA NOTTE” di PATRICK FOGLI

Una giornalista notissima per le sue inchieste volte a smascherare i grandi corruttori e a tutelare i cittadini viene “eliminata” dal grande schermo per una notizia mal trasmessa, e così Irene Fontana lascia tutto e si ritira sulle colline sopra Reggio Emilia nella casa della nonna. Una casa a due piani, ettari di campi da coltivare, grande spazio per allevare animali. Tutto il suo mondo le era crollato addoss0, lei aveva preferito chiudere ogni rapporto per cominciare una nuova vita. Intanto un ragazzo, Filippo,sale una notte alla Pietra di Bismantova e precipita  sfracellandosi. La madre del ragazzo non vuole credere al suicidio e chiede a Irene di fare luce sulla vicenda. Lei accetta e cerca di ricostruire la vita di Filippo, partendo dai suoi...


Per leggere e stampare Diari di Cineclub clicca qui