Il Blog di Giuseppe Previti

” MIO CARO SERIAL KILLER ” DI ALICIA GIMENEZ BARTLETT- SELLERIO

Petra Delicado, ispettrice de la Policia Nacional, si sente invecchiata, ma non ha tempo di commiserarsi, intanto ha una numerosa famiglia di cui occuparsi e poi un nuovo caso le piomba addosso. Si tratta di un delitto particolarmente efferato, una donna è stata letteralmente massacrata. Si tratta di una signora che viveva sola, una vita anonima, viene trovata accoltellata in più parti del corpo, l’assassino si è particolarmente accanito martoriandone il volto. Inoltre ha lasciato sul corpo della vittima un messaggio di amore e di saluto.<> Quindi sembra si debba partire da un  ” amore” magari finito male, certamente si può pensare a un caso di femminicidio.. Dell’inchiesta se  ne occupano Petra e il suo fido vice Fermin Garzon...

” NATI PER MORIRE ” DI GIORGIO SIMONI – DAMSTER EDIZIONI

Ecco di nuovo in azione il maresciallo Spada  comandante della stazione di Fittoneta, dove sta imparando a convivere con il nuovo capitano, Dora Panerai, fresca di Accademia,  oltretutto anche una bella donna,  e così c’è anche da soppor- tare le gelosie della fidanzta. La storia inizia quando in un  pattugliamento notturno vengono arrestati due coniugi rom  e il maresciallo si dovrà occupare del loro figlioletto Yari con cui entra subito in grande sintonia. Il ragazzo viene portato in una casa d’accoglienza dove diventa amico di un singolare personaggio, un clochard conosciuto come Mangiavento,che parla sempre in rima. L’uomo si affeziona a Yari e gli rivela un suo segreto a patto che il ragazzino fugga dall’istituto. Yari scappa...

” SARA AL TRAMONTO” DI MAURIZIO DE GIOVANNI- RIZZOLI

Sara, per il mestiere che faceva, era in una particolare branchia della polizia, era abituata a rubare i segreti delle persone e nel contempo a mimetizzarsi, a rendersi addirittura invisibile.Ma ora che è in pensione, che ha perso gli affetti più cari, il compagno della vita e il figlio,non vuole più vivere.Capelli grigi, aspetto anonimo, da non essere assolutamente notata, vestiti dimessi, pur se non ha smentito l’antica bellezza. Ma alla morte del suo grande amore, l’unico uomo capace di farla sentire viva, si era ritirata da tutto e da tutti. Poliziotta adesso in pensione, aveva lavorato per i servizi, svolgendo compiti delicati come intercettazioni non autorizzate.E così ha trascorso la sua vita ascoltando le voci e le storie degli al- tri. Ora...

ARTISTI MALEDETTI (1): CHARLIE PARKER ( Bird, l’uccello che suonava il jazz)

Charlie Parker  nasce a Kansas City il 9 agosto 192o, per morire a New York il 12 marzo 1955, E’stato il più grande sasso- fonista nella storia del jazz o quanto meno tra i primi tre. Con Dizzie Gillespie è tra i fondatori del Be-Bop, che presto si diffonderà tra i jazzisti di tutto il mondo. Secondo uno dei massimi esperti del settore, Arrigo Polillo Charlie Parker ” è stato il Picasso dell’arte afroamericana, l’uomo che reinventò la sintassi e la morfologia della musica jazz e ne deviò il corso”. Già da piccolo va a vivere a Kansas City Center, mentre il padre se ne è andato di casa, non lo vedrà più se non al funerale. Sembra che sia stato ucciso da una prostituta. La madre fa la donna delle pulizie, lui va a scuola...

” OTTAVA DECADE” DI RENZO DUCATI – ALBATROS

Un susseguirsi di omicidi seriali, e in un certo senso sinistramente simbolici, colpiscono il mondo intero e sembrano avvenire sotto l’egida di un misterioso movimento esoterico.  Si tratta di azioni che sembrano maturare all’interno delle grandi mafie internazionali, il tutto sotto l’egida e la firma di una nuova organizzazione “Serendipity”.La maggior parte delle vittime sono dei ” transporter” e per lo più di origine cinese. Tutti gli omicidi portano una ” firma” comune, “Seren- pidity”  e hanno in comune anche il procedimento, le vittime vengono infatti decapitate da uno strano congegno che pro- voca la profonda incisione dei muscoli del collo. Tutte le polizie e gli organi investigativi del...


Per leggere e stampare Diari di Cineclub clicca qui