Il Blog di Giuseppe Previti

SCIASCIA E LA LETTERATURA GIALLA

Tra gli scrittori più celebri nel panorama letterario italiano Leonardo Sciascia è stato tra coloro che hanno nobilitato e adottato anche negli schemi narra- tivi il genere giallo. Basta ricordare vari suoi romanzi ( Il giorno della civetta, A ciascuno il suo, Il contesto, Todo modo, Il cavaliere e la morte, Una storia semplice) per trovare radici comuni a tanta letteratura di genere poliziesco come pure lo stesso Sciascia si esprime in numerosi  saggi dove si trattano vecchi fatti criminosi rimasti insoluti nel tempo. Si ricostruiscono allora con attenzione tutti i documenti d’archivio attinenti a un dato fatto con il procedimento tipico del racconto giallo. Sciascia dice che compito dello scrittore è di assumere un ruolo nella...

” FIORINI E FARFALLE ” DI LAURA VIGNALI– SETTEGIORNI EDITORE

Un noto critico letterario è invitato a Pistoia per partecipare a un  convegno sul grande filantropo pistoiese Niccolò Puccini ma appena giunto a Roma da Pistoia una strana sensazione di malessere e di pericolo sembra pesare sulle sue prime mosse in città, e la sua reazione più immediata sarebbe quella di abbandonare precipotosamente la città toscana e tornarsene a Roma. Ma non vuole fare una cattiva impressione sui suoi cortesi ospiti  e così decide di rimanere. Questo suo soggiorno finirà però per essere condizionato da una serie di eventi oscuri e misteriosi. Ma il racconto di Laura Vignali non va preso solo come un racconto giallo ricco di riferimenti storici, ci saranno infatti un feroce delitto e delle mi- steriose sparizioni, ma piuttosto la...

” PUNTAZZA ” di SIMONE INNOCENTI—L’ ERUDITA EDIZIONI

Una serie di otto racconti dove trovi i protagonisti più disparati,dagli scombinati ladri di Gratta e Vinci ai trafficanti di animali, da una suora assassina a un confidente della questura, da un osservatore di tir ai dela- tori per vendetta, da un uomo di successo alla sua prova più difficile e all’uomo che legge il passato. Storie nere. storie ora di violenza, ora di gelosie,ora di grandi amori, storie che comunque ti prendono e ti colpiscono. Certamente ci viene descritto un campionario della malvagità umana,ma non sempre,si parla anche di sentimenti, quelli più autentici. Tanti ritratti che in molti caso disegnano personaggi che sembrano come la maschera di se stessi, con il nostro autore che si diverte a evidenziare i lati più negativi,  anche se...

” LE VITE PARALLELE” -Un nuovo inizio per il commissario Casabona- di ANTONIO FUSCO- GIUNTI

Casabona torna in questura per sistemare le sue cose, ha fretta di tornare in ospedale dove la moglie sta per essere operata, lui ormai non intende più subor- dinare la vita di casa agli impegni d’ufficio.> Ma il suo vice storico Proietti lo informa che sono tutti mobilitati per un caso che ha sconvolto Valdenza, è stata rapita una bambina di tre anni. Casabona si sente spezzare il cuore colpito dalla foto della piccola e finisce quindi per restare al suo posto e riprendere la guida delle indagini. I primi sospetti si ad- densano su un giovane balordo, un tipo violento, uso alla cocaina,, ex-amante della piccola scomparsa. C’è un suo messaggio alla donna in cui la minaccia per essere stato abbandonato. Sembra quindi che il caso già si sia...

” LA SCELTA DEL BUIO” DI PIERGIORGIO PULIXI – ediz. e/o

Il commissario Strega, un ottimo poliziotto nonché un grosso esperto di psicologia e criminologia, è malvisto e osteggiato dai coleghi  dopo che ‘ stato accu- sato di aver provocato la morte di un collega. Nonostante sia stato reintegrato in servizio dalla commissione disciplinare il clima verso di lui  non è affat- to cambiato. Gli viene affidata l’indagine sul suicidio di un collega della omicidi, i suoi superiori vogliono che il caso sia chiuso alla svelta, ma lui non ci sta. Ha notato delle incongruenze nella ricostruzione dei fatti e poi, avendo conosciuto la vittima, non la ritiene un tipo da suicidio, e così continua a indagare nonostante i divieti dei suoi superiori. Ben presto costaterà che la sua ipotesi era giusta ma man mano che...


Per leggere e stampare Diari di Cineclub clicca qui