Il Blog di Giuseppe Previti

” LA MALA ERBA” DI ANTONIO MANZINI-SELLERIO – 01-O1-2023

Nella cameretta di Samantha, studentessa liceale di 17 anni, c’è un poster, raffigura la donna lupo, gli artigli al posto delle unghie, una donna che non si arrende dinanzi a niente pur di difendersi. Samantha vive una esistenza triste, la famiglia attraversa molte difficoltà, troppi debiti, che il padre ,perso il la- voro, non sa come onorare.Ma il fatto più drammatico è che per lei non c’è alcuna prospettiva nella vita, come del resto per gli abitanti del piccolo borgo di Colle San Martino. Vite grame,una solitudine di fondo comune a tutte queste esistenze, ognuno con i suoi, più o meno inconfessabili segreti,  con l’aggiunta di una qualsiasi assenza di solidarietà.Sul paese svettano il campanile della chiesa e  le torrette del palazzo...

” DIETRO LE QUINTE DELLA POLIZIA” DI GEORGES SIMENON- ADELPHI- 28.12.2022

Il commissario Maigret ci racconta nelle sue memorie che aveva ricevuto e fatto visitare i locali della polizia giudiziaria a uno “scrittorello” abbastanza sfrontato, un giovane,tale Georges Sim. Nella realtà  Xavier Guichard aveva ricevuto Georges Simenon, che aveva già pubblicato vari Maigret, a trascorrere alcuni giorni al Quai des Orfeves per rendere più verosimili i personaggi e l’ambiente in cui si muoveva. Simenon accettò volentieri l’invito e scrisse anche una serie di articoli, e così pure aveva ricavato una serie  di spunti per nuovi romanzi, ma potè anche ricavare materiale di prim’ordine per raccontare inchieste celebri, casi giudiziari famosi,dram- mi particolari. Naturalmente si respira la Parigi...

” OMBRE” DI MARCO VICHI- GUANDA- 27.12.2022

Marco Vichi lascia per una volta da parte il commissario Bordelli e si presenta ai lettori con Ombre in una storia completamente nuova e di tutt’altro tipo. Una storia che  alterna passato e presente, e che vuole dimostrache il passato non è mai da considerarsi come un qualcosa di definitivo. Luigi Imbrogno è il proprietario di una piccola ma assai raffinata casa editrice fiorentina, ha una bella moglie e due figlie, la sua vita scorre abbastanza rego- lare, tra casa e lavoro, quando un giorno il passato gli si presenta dinanzi con una  serie di misteri e di interrogativi che sembrano sconvolgergli la vita. Se del passato arrivano solo dei ricordi, il presente lo vede protagonista,suo malgrado di una storia complicata, legata al nome di una donna che...

” ANNABELLA ABBONDANTE- L’essenziale è invisibile agli occhi”-DI BARBARA PERNA- GIUNTI -24.12.2022

Annabella Abbondante trascura come sempre di leggere le mail e così ha ignorato quella della Scuola Superiore della Magistratura che le comunicava che doveva sostituire un tuto al corso di formazione per magistrati che si tiene come ogni anno nella provincia di Firenze. E così dovrà assentarsi per tre settimane, il che renderà ancora più complicato il lavoro corrente al tribunale dove svolge la sua attività., ma anche sarà di…intralcio alla sua intensa vita§ sociale. Raggiunge così la Scuola dove succede che una donna venga uccisa, e che  quindi l’istinto…investigativo di Annabella si scateni, tanto più che conosceva la vittima. E così comincerà a collaborare con il PM incaricato dell’indagine, Ferrucci Landi, e addirittura tra...

” CIAO CIAO COMMISSARIO” DI GIACOMO FAENZA- MURSIA- 21.03.2022

Quello che capita al commissario Pirrone, in servizio al commissariato Roma Nord, è abbastanza insolito. Deve recarsi in un bosco vicino alla Capitale dove è stato scoperto e disotterrato il cadavere di una donna uccisa e si accorge che la mano della vittima sembra fargli ciao ciao, ma ancor più conturbante per lui,gli chiede di renderle giustizia e trovare il suo assassino. Pirrone non ha fatto una gran carriera, pur se è un buon poliziotto, e adesso la sua gran passione sono la storia e gli studi classici. Non ci sono indizi ma Pirrone non si scoraggia e ricorre al suo “metodo”preferito ovvero attendere le dritte che puntualmente gli arrivano , magari a  volte iuncomprensibili, da parte di grandi personaggi storici, tutti ben tratteggiati, e che...

” IN FORMA DI ESSERE UMANO” DI RICCARDO GAZZANIGA-RIZZOLI- 12.12.2022

Siamo nel 1960 in Argentina, dove da quindici anni si è rifugiato Adolf Eichmann, uno dei maggiori criminali dell’era nazista. Scampato al processo di Norimberga vi vive con la moglie Vera e i due figli in una misera casa senz’acqua e senza elettricità. Lavora in una fabbrica della Mercedes e nulla sembra ricordare in lui il famigerato ufficiale delle SS, implicato nello stermino degli ebrei. Ma su lui incombono gli agenti del Mossad e i suoi giorni sono contati. Ne hanno individuato il rifugio e sui apprestano a catturarlo  ma non per ucciderlo bensì per condurlo in Israele e sottoporlo a regolare processo. E sarà l’agente Zvi Aharoni a individuarlo e far parte della squadra che lo appunto lo catturerà. E saranno proprio i due protagonisti...


Per leggere e stampare Diari di Cineclub clicca qui