Il Blog di Giuseppe Previti

MICROMEGA: ” CAMILLERI SONO” Considerazioni e appendice sul Romanzo storico

Andrea Camilleri è certamente uno dei più grandi scrittori a cavallo di questo secolo e del precedente e a lui è dedicato per il suo 94° compleanno il quinto numero della rivista letteraria Micromega. E’ un sentito e anche un doveroso omaggio a questo splendido novantatreenne, conosciuto certo dal pubblico per i suoi romanzi gialli con protagonista Montalbano, ma anche autore di una sterminata produzione che va dai romanzi storici al teatro alla poesia. Ed infatti la raccolta inizia con una testimonianza dello stesso Camilleri che parte dai suoi esordi letterari, piccolo ” poeta fascista”,per poi passare a una attiva frequentazione teatrale, sia come allievo dell’Accademia di Arte Drammatica, sia come regista e autore, per...

“LA FABBRICA DELLE STELLE” di GAETANO SAVATTERI – SELLERIO

Questa è la storia di nun giornalista, Saverio Lamanna,, caduto in disgrazia perché ha diffuso una notizia falsa e il sottosegretario di cui era il portavoce lo ha licenziato in tronco. Addio al mondo politico, ma ancor peggio alla Roma dei cinematografari, dei locali di moda,del gossip, ai bei vestiti, alle belle donne, ai….lauti stipendi e così ritorna nella natia Sicilia ove so rifugia nella casa di famiglia al mare di Màkari. Qui ritrova un vecchio amico, Peppe Piccionello, che gira in mutande e infradito, dispensando perle di saggezza. In questo luogo di paradiso conoscerà Suleima, una ragazza che sembra riconquistarlo alla vita. Lamanna è uno dalla battuta pronta, se ne infischia dei pregiudizi sui siciliani, per vivere comincia a scrivere gialli...

PIRANDELLO E IL GIALLO

Alcune considerazioni su Luigi Pirandello in margine alla preparazione di un convegno che l’Associazione del Giallo di Pistoia gli dedicherà sabato prossimo 19 maggio. Tra i tanti suoi figli che ne hanno cantato bellezze, fatti, e personaggi  Luigi Pirandello, quando parlava dei suoi corregionali siciliani diceva delle loro paure, delle loro insicurezza a cui rispondevano con un animo chiuso, appartato, persone che si accontentavano di poco purché però desse loro sicurezza e quindi erano inevitabilmente solitari, ” isole a sè”, rimuginando in se stessi il proprio dolore. Questo Pirandello lo affermò nel lontano 1931, in una commemorazione di Giovanni Verga, anzi arrivando a parlare di scrittori di “cose”   (inserendovi...

PESSOA E IL GIALLO

Qualche anno fa per le edizioni Il Filo venne pubblicato il racconto Il caso Vargas di Fernando Pessoa. E‘ un racconto interessante, pur se il manoscritto appariva incompiuto, con una sua trama ben narrata e accattivante a dimostrazione che questo autore non fu solo un poeta, anzi, per i livelli conseguiti, un grande poeta. Del resto la sua opera incise profondamente sulla poesia agli inizi del ventesimo secolo, dando altresì voce ad autori “eteronimi” di cui inventò le biografie e ne scrisse le opere. Un aspetto particolare e insolito del Pessoa fu il suo rapporto con la letteratura gialla. Pessoa incarnava in sè il pensiero di essere ” molti” e così non mancò la voce del giallista. Lui era un appassionato delle trame...

” PESSOA- IL SOTTILE EQUILIBRIO TRA GENIO E FOLLIA ” DI STEFANO LATTARI – TRA LE RIGHE LIBRI

In un saggio dedicato a Fernando Pessoa ” Pessoa-Il sottile equilibrio tra genio e follia Stefano Lattari esamina la formazione scientifica e pseudo-scientifi- ca del primo decennio del 19oo un periodo in cui erano molto di moda studi e riflessioni sulla follia e la natura del genio.Ed è questa la base del lavoro riferendosi  al significato di eteronimi, un termine  che si trova trattato  negli ambienti medici e culturali dell’inizio del secolo scorso. Pessoa aveva composto dopo il 19o7 una grossa mole di riflessioni  sulla comparazione tra genio e follia, prendendo spunto dagli aspetti clinici,attitudinali e sociali. Tutta l’opera quindi del grande autore lusitano è seguita con un continuo confronto tra follia e genialità, e questo se...

MICHEL BUSSI – AUTORI SULLA CRESTA DELL’ONDA

Michel Bussi è professore all’università di Rouen e direttore di ricerca del Centro nazionale della ricerca scientifica ed è l’autore di gialli attualmente più venduto in Francia. E’ nato in Normandia dove ha ambientato molti dei suoi romanzi. In Italia pubblica per le edizioni e/o con l’uscita nel giro di pochi anni di Ninfee nere (2016), Tempo assassino (2016), Non lasciare la mia mano (2017) e, freschissimo, uscito ieri, Mai dimenticare ( 2014). Esordisce nel 2006 scrivendo più di dieci libri appartenenti alla categoria del giallo e del poliziesco. In Italia il primo tradotto è appunto Ninfee nere,  scritto nel 2o11 e tradotto nel 2o16, Tempo assassino esce nel 2016 e viene tradotto lo stesso anno, poi Non lasciare la mia...


Per leggere e stampare Diari di Cineclub clicca qui