Il Blog di Giuseppe Previti

Breve storia del giallo in Italia: cosa avviene fuori della letteratura

Un passo di qualità il cinema giallo in Italia lo compirà verso la fine degli anni Cinquanta.Nel 1957 Lionello De Felice gira “L’accusa del passato” con Gino Cervi nelle vesti di un commissario di polizia mandato su un’isola per indagare su un omicidio avvenuto in una villa sul mare, un film esempio di giallo classico vecchia maniera.  Nel 1958 Francesco Rosi  ci da La sfida con  José Suarez e Rossana Schiaffino con un giovane napoletano che tenta  dj imporsi nel mondo della camorra e pagherà la sua sfida a caro prezzo. Ma il vero salto di qualità lo si compie con “Un maledetto imbroglio” di Pietro Germi (1959).  Questo film si ispira al capolavoro di Gadda “Quer pasticciac- cio brutto di Via Merulana”, pur...

Breve storia dell’Italia in giallo: cosa avviene fuori della letteratura in Italia (4)

Vari film che potrebbero ricondurre a una tematica gialla escono. Potremmo ricordare nel 195o Contro la legge di Flavio Calzavara, un film che segna una delle prime apparizioni di Marcello Mastroianni, nei panni di un giovane di buona  famiglia  che indagato   per un fatto di sangue porterà la polizia sulle tracce del vero assassino.  Ne Il bivio di Fernando Cerchio protagonista Raf Vallone, questi è un bandito che si infiltra nella polizia arrivando addirittura al ruolo di vice-commissario e approfittando della sua posizione può pianificare molte rapine. Ma la morte di un  suo complice lo porta e rivedere la sua vita e passare pienamente dalla parte della legge, morendo in un conflitto a fuoco con i suoi ex compagni. Un’altra prova importante nella...

Breve storia del giallo in Italia: cosa avviene fuori della letteratura (3)

Il  tenente Sheridan dirige la squadra omicidi di San Francisco, suo segno di riconoscimento un impermeabile bianco che fa tanto Humphrey Bogart, un detective reale, autentico, che certamente sbaglia come tutti, una persona comune, lui e i suoi collaboratori, insomma una immagine di investigato- re non stereotipata, e per questo in un certo senso destinata a rimanere impressa. Sheridan ha la caratteristiche dell’uomo comune, si dimostra assai sen- sibile ma anche concreto e di buon intuito poliziesco. Avrà un enorme successo, si parla di oltre venti milioni di telespettatori, tanto da durare  quasi tredi- ci anni, per un totale di 36 episodi unici e ben quattro teleromanzi divisi in ventuno puntate. Anche il cinema si interesserà  al cinema giallo, la...

Breve storia del giallo in Italia:cosa avviene al di fuori della letteratura ?

Siamo  nel 1954 e in Italia inizia un fenomeno che diverrà importantissimo nella vita del nostro Paese: l’avvento della televisione. Ci vorrà del tempo prima che arrivino i telefilm, inizialmente si procederà al riadattamento di tante commedie, comprese quelle gialle. Certamente non mancano i grossi nomi del periodo da Anton a Giannini e un pò a tutto il gruppo di autori affermatisi negli anni Quaranta e Cinquanta. Non mancano però teledrammi originali, di Gastone Tanzi vengono trasmessi L’istantanea sotto l’orologio, Sheila la sposa e Moneta falsa ( tra il 1956 e il 1960), mentre nel 1959 era stato dato La maschera d’oro di  Giuseppe  Ciabattini, che aveva costruito il classico giallo a enigma, protagonista un commissario,...

Breve storia del giallo in Italia: cosa avviene al di fuori della letteratura ? (1)

Prime che le leggi censorie del regime fascista facessero tabula rasa delle varie forme di rappresentazioni del genere giallo, sicuramente in teatro il dramma giallo conobbe dei periodi veramente felici. Ma dagli anni cinquanta in avanti  il confronto con il cinema si era fatto sempre più difficoltoso, ma il colpo di grazia arrivò con l’avvento della televisione. Comunque non mancarono le rappresentazioni di commedie gialleggianti, e si fondarono anche delle compa- gnie specializzate come quelle di Giulio Girola e delle ditte Lombardi-Fierro e Gheraldi-Sevderini. Naturalmente per quanto riguarda il panorama italiano troviamo molti dei nomi già fattisi notare con i loro romanzi gialli da De Stefani a Varaldi a D’Errico, Un autore molto prolifico nel...

Breve storia del giallo in Italia: Franco Enna (3)

Frani Enna pubblica poi due gialli di ambientazione italiana, “La grande paura”  (Lampedusa) e “Viatico per Marianna” (Friuli). Due buoni testi, in, cui non figurano né un detective né un poliziotto. Ne La grande paura conosciamo Gino Artieri, un piccolo contrabbandiere in missione a Lampedusa, un posto che apprezza subito e dove si innamora di una donna del posto. E questo amore così intenso e mai provato prima gli fanno capire quanto§ sbagliata sia stata la sua vita sino a quel momento e  si impegnerà con tutte le forze per dimostrare di essere diventato un altro uomo e questo a sprezzo di ogni pericolo contro pericolosi trafficanti d’armi. In Viatico per Marianna Giorgio è un uomo in fuga, la polizia lo ricerca ritenendolo...


Per leggere e stampare Diari di Cineclub clicca qui