Il Blog di Giuseppe Previti

“LE NOTTI DELLA LUNA ROSSA” di ENRICO LUCERI- IL GIALLO MONDADORI

Una donna viene ritrovata abbandonata sulla poltrona, i suoi occhi fissan0 il vuoto,ma non dorme, è morta così nel suo appartamento che guarda sul Golfo di Napoli dopo aver ingerito una dose massiccia di un forte ansiolitico. Tre le ipotesi per la polizia e per il medico legale: disgrazia,suicidio,omicidio. Scartate ben presto le prime due ecco che le indagini paiono accentrarsi sul marito della vittima, un cantante ormai a fine carriera, e l’unico che avrebbe dei benefici dalla scomparsa della vittima. Ma il commissario Buonocore diffida delle cose tropo facili, e così comincia a indagare sugli abitanti di questo bel palazzo residenziale, ma tutti appaiono reticenti e in possesso di alibi apparentemente inattaccabili. Ma l’atmosfera della grande...

” L’ATROCE DELITTO DI VIA LURCINI” DI FRANCESCO RECAMI – SELLERIO

Ci troviamo a Firenze più o meno  ai nostri giorni, la scena si svolge in un edificio fetiscente intorno a S.Maria Novella, vi sono riparati individui di ogni estrazione etnica e sociale, anche dei criminali potrebbbero nascondersi tra questi senzatetto. Una sorta di corte dei miracoli dominata e taglieggiata da uno strano individuo, un certo Franzes,, con alle spalle un passato di imprenditore. L’uomo si desta al mattino dopo una grande imbriacatura e si ritrova con le mani lorde di sangue, ma non si ricorda assolutamente cosa ha fatto nella notte precedente. E così studia tutti i modi per non essere scoperto. ammesso che ci fosse qualcosa da scoprire, finendo così per insospettire chi vive intorno a lui. E per di più lui si autoconvince di aver...

” DODICI ROSE A SETTEMBRE DI MAURIZIO DE GIOVANNI — SELLERIO

Gelsomina Settembre detta Mina fa l’assistente sociale in un consultorio dei Quartieri Spagnoli a Napoli, e non ha proprio il tempo di respirare visti i  i tanti casi di gente in cerca di giustizia. Un bel giorno viene chiamata nel suo ambulatorio dal medico di servizio perché una ragazzina di undici anni,Flor. gli rivela di essere li non per farsi curare ma…semplicemente perché pensa che tra poco suo padre ucciderà sua madre che però non farà niente per difendersi, soggiogata com’è da lui. Mina che ha avuto una giornata abbastanza complicata lì per lì sottovaluta la cosa, ma poi capisce che è una cosa seria e si attiva radunando un singolare “gruppo di intervento”, certamente un po’border line, m non per questo meno...

SILVIA VOLPI A LIDO DI CAMAIORE PER GIALLO D’AMARE

SILVIA VOLPI, giornalista di una nota primaria testata della nostra Regione, è stata insignita della Targa “Migliore scrittore esordiente dell’anno” assegnata da Giallo d’Amare, la rassegna di autori di gialli e noir che si svolge nei mesi di luglio e d’agosto a Lido di Camaiore. Succede nel premio a Ilaria Tuti e Pasquale Sgro. Silvia Volpi è stata premiata per il libro Alzati e corri Direttora., che è appunto la storia della direttrice di un quotidiano con molti risvolti sulla sua vita privata, sui rapporti con la  redazione, su un delitto appena avvenuto e   su cui la nostra …direttora segue in presa diretta il cronista di nera. Abbiamo rivolto alcune domande alla nostra ospite per far conoscere meglio il person...

” LA GEMMA DEL CARDINALE DE’MEDICI ” DI PATRIZIA DEBICKE VANDERNOORT- TEA

L’improvvisa e sospetta morte a Firenze del Granduca Francesco I e della moglie Bianca Capello porta alla guida del granducato il cardinale Fernando de’Medici, che come primo atto chiama a Firenze il fratellastro Giovanni de’Medici, figlio naturale di Cosimo I, che lo ha anche legittimato. Ferdinando confida molto in lui per le sue doti di condottiero e di diplomatico.Il compito di governare quella che veniva definita la “Toscana dei banchieri”(la professione dei Medici) era certamente arduo di per se stesso, ma ora è ancora più difficile perché Firenze e la Toscana eccitano la cupidigia di molti Stati, e quindi per sopravvivere è necessario contare su più appoggi dalla Santa Sede all’Impero alla Repubblica di Venezia. E...

” L’ULTIMA NOTTE DI AURORA ” di BARBARA BARALDI – GIUNTI

Le ferite nell’anima sono assai più difficili da risarcire di quelle fisiche e ne sa qualcosa il vice-ispettore Aurora Scalviati,in forza al commissariato di Sparviera.Ha avuto in servizio un doloroso incidente di percorso che l’ha segnata profondamente appunto nel fisico e nell’anima, e ora sta per raccontare la sua esperienza in una conferenza a Bo- logna organizzata da un luminare sui disturbi post-traumatici. Proprio mentre sta aspettando il suo turno Aurora si imbatte in una ragazza dal fare misterioso che le chiede. “Credi si possa davvero uscire dal buio ?”.A questo quesito Aurora non potrà rispondere perché la ragazza di li a poco si suiciderà gettandosi da una torre. E lei ne resterà molto turbata anche perché si chiede...

ALESSANDRO ROBECCHI A LIDO DI CAMAIORE PER GIALLO D’amare

Tradizionale consegna delle Targhe Giallo D’Amare anno 2019: dopo Massimo Carlotto e Maurizio de Giovanni per l’anno “in giallo” 2019 il riconoscimento va a Alessandro Robecchi, ospite venerdi 23 agosto della Rassegna realizzata dall’A.B.C. di Lido di Camaiore con il patrocinio del Comune di Camaiore. ALESSANDRO ROBECCHI : giornalista, scrive per IL Fatto Quotidiano,  ha collaborato o collabora con varie testate. Dal 2007 è tra gli autori degli spettacoli di Maurizio Crozza. Molte esperienze di conduttore e sceneggiatore per la televisione, scrive per il Teatro, per vari anni critico musicale dell’Unità.Titolare  di un sito ufficiale cono- sciutissimo. Si occupa anche di satira. Esordisce in narrativa nel 2014 con QUESTA NON...


Per leggere e stampare Diari di Cineclub clicca qui